Monday, November 28, 2011

Gpu Monitor con Nvidia System Tools

Cercando come al solito sul sito della Nvidia i driver aggiornati per la mia scheda grafica (Quadro NVS 140M) mi sono reso conto che ci sono una serie di link al di sotto della pagina molto interessanti. Quello che mi ha colpito è stato questo:

http://www.nvidia.it/object/nvidia_system_tools_6.06_it.html

All'interno di questi tool ho scovato l'Nvidia System Monitor che consente di eseguire il monitoraggio completo di tutte le risorse del PC come la CPU, il disco, la RAM, e la GPU. Ero da tempo interessato a trovare un monitor carino per la GPU e quindi ho cliccato qua e là finché ho ottenuto il seguente risultato:


Naturalmente questo monitor è abbastanza flessibile e consente tranquillamente di modificare la frequenza di aggiornamento video.

No such partition grub rescue

Oggi un mio amico (soprannominato Giuggi), preso da una foga di liberazione spazio su disco, ha avuto la bella idea di andare nella gestione disco di Windows e cancellare la partizione che possedeva di Ubuntu per liberare spazio. Al riavvio si è trovato una schermata nera con su scritto:

No such partition
grub rescue>

Ora tutto questo è del tutto normale in quanto grub cerca ancora una partizione da far partire che purtroppo non esiste più. Per ovviare a questo problema ci sono molte soluzioni possibili:

http://www.pc-facile.com/guide/utilizzo_console_di_ripristino/38979.htm
http://forum.aiutamici.com/yaf_postst65824_AIUTO-PROBLEMA-CON-GRUB.aspx
http://www.ainu.it/windows/ripristinare-lmbr-di-windows-rimuovere-il-bootloader-di-linux-dal-disco-di-avvio/
http://www.ainu.it/software/creare-un-pendrive-usb-avviabile-con-sistema-operativo-dos/

La soluzione particolare che ho usato è stata quella di prendere uno dei 300 milioni di CD che ho con le distribuzioni di Ubuntu che si sono succedute nel tempo e usare lo strumento ms-sys che ho conosciuto grazie alla seguente guida:

http://www.paologatti.it/2010/01/11/come-ripristinare-la-partizione-di-avvio-mbr-di-windows-senza-utilizzare-il-lettore-cdrom

Il procedimento è molto semplice. Avvio Ubuntu 10.10 x86 Live senza installare il sistema operativo. Mi connetto ad Internet. Installo ms-sys con i seguenti comandi (ho modificato solo il link in quanto la struttura degli archivi è cambiata):

wget http://ftp.de.debian.org/debian-archive/debian/pool/main/m/ms-sys/ms-sys_2.1.0-1_i386.deb
sudo dpkg -i ms-sys_2.1.0-1_i386.deb

Una volta installato ms-sys lancio il comando per il ripristino del Master Boot Record (MBR):

sudo ms-sys -w /dev/[drive]

Nel mio caso il drive era /dev/sda (nel dubbio si può sempre usare il comando fdisk -l).
A questo punto basta riavviare il computer con il comando reboot per poter vedere ancora una volta il normale avvio di Windows.

Saturday, November 19, 2011

Astonishing Granola with Ubuntu !

Granola è un software davvero interessante perchè sfruttando una funzionalità particolare chiamata DVFS (Dynamic Voltage and Frequency Scaling) riesce a modellare dinamicamente la frequenza della CPU. Personalmente non credevo che fosse un programma utile, ma ho provato lo stesso ad installarlo.
Lo si può installare sia per Windows che per Linux.

Provandolo su Windows mi sono subito reso conto di un notevole calo delle temperature dei due core del mio ThinkPad R61. Naturalmente non mi riferisco al normale uso del PC ma al momento istantaneamente successivo all'immobilità del mouse (inizio del teorico "periodo di inattività").

Questo aspetto è ancora più evidente su Ubuntu dove tramite il gadget per pannello "Variazione Frequenza" si vede effettivamente che al calare dell'attività dell'utente i processori si riscalano su una frequenza che va da 1,2 GHz a 800MHz.

Per installare il programma basta seguire le guide che ci sono sul sito:

http://grano.la/software/download_granola.php

Personalmente ho installato il software su Ubuntu 11.04 con la modalità repository.
Una volta aggiornati i repository ho installato il programma con i seguenti comandi:

sudo apt-get install granola
sudo apt-get install granola-gui

Per lanciare la gui ho semplicemente aperto una shell e ho lanciato il comando

granola-gui

L'interfaccia appare così (da notare il risparmio già accumulato):


Per ottenere l'avvio automatico all'avvio del sistema ho settato una particolare opzione nella sezione Edit:


Successivamente sono andato in Sistema-->Preferenze-->Applicazioni d'avvio e ho aggiunto un nuovo programma d'avvio con i seguenti parametri:


Ad ogni avvio riesco quindi ad avviare la gui di granola ad icona (di colore azzurro dopo l'icona di Skype) nel pannello superiore di Ubuntu:


Ubuntu gedit e visualizzazione codice Assembly x8086

In gedit esiste la possibilità di editare codice Assembly, ma non esiste nella sua forma originale la possibilità di introdurre dei Syntax Highlights (uso di colori e di evidenziazioni particolari rispetto alla sintassi del linguaggio) propri dell'Assembly x8086.
Ho trovato questo link davvero utile:

http://www.asmcommunity.net/board/index.php?topic=29796.0

Si ha quindi la possibilità di aggiugere altri due linguaggi:

Assembly Intel
Assembly AT&T

Nel caso dell'Assembly Intel x8086 basta scaricare il file allo stesso link già postato:

asm-intel.txt

Bisogna cambiare l'estensione del file a *.lang e copiarlo all'interno della directory:

/usr/share/gtksouceview2.0/language-specs/

Aprendo un file *.ASM con gedit e scegliendo nella barra di stato in basso l'apposito linguaggio "Assembler (Intel)" si ottiene il seguente risultato:


Screenshots finestre in Ubuntu

Esiste un piccolo script bash che ho trovato in rete che è davvero utile per eseguire degli screenshot di finestre.
Il link dove ho trovato questo script è il seguente:

http://tips.webdesign10.com/how-to-take-a-screenshot-with-ubuntu-linux

Per usarlo correttamente ho effettuato una sola modifica: nel percorso di destinazione delle immagini ho sostituito "Desktop" con "Scrivania".

Ecco lo script:

#!/bin/bash
#
# http://tips.webdesign10.com
#
# Use this script at your own risk

# Takes a screenshot with ImageMagick.
# Link to this file from the GNOME panel
# Do NOT check the box "run in terminal"
# Remember to chmod +x this file
# Screenshot will save to ~/Desktop/


# The name of your file
screenshot='screenshot';


# Creates an unusual filename based on nanoseconds so that
# you don't accidentally overwrite another screenshot.
# The `backticks` tell the script to run another command (date).
# Type 'man date' in the terminal for more info
nano=`date '+%d%b%y-%N'`;


# Adds the file extension
extension='.png';


# Generate a filename for this screenshot
file="$HOME/Scrivania/$screenshot-$nano$extension";


# Use ImageMagick to take the screenshot
# Saves to ~/Desktop
import $file;

Una volta creato un file script_screenshot, si può creare un "Lanciatore Applicazione Personalizzato" cliccando con il tasto destro sul pannello e digitando "Aggiungi al pannello..." con i seguenti parametri:



Il comando da usare per il lanciatore è nel mio caso il seguente:

sh /home/crash/Scrivania/script_screenshot


Wednesday, October 26, 2011

Rodney Mullen

Rodney sei il mio idolo !


Installazione driver NVIDIA per scheda Quadro NVS 140M su Ubuntu 11.04 per Lenovo ThinkPad

Digitare il seguente comando per modificare il file blacklist.conf (file che specifica i dispositivi che non saranno usati quando il sistema configura dispositivi multipath):

sudo gedit /etc/modprobe.d/blacklist.conf

Aggiungere le seguenti linee di codice alla fine del file blacklist.conf:

# Blacklist per driver NVIDIA
blacklist vga16fb
blacklist nouveau
blacklist rivafb
blacklist nvidiafb
blacklist rivatv

Eseguire il salvataggio del file.
Eseguire la disinstallazione di qualsiasi driver precedente con il comando:

sudo apt-get --purge remove nvidia-*

Riavviare con il comando:

sudo shutdown -r now

Dopo il riavvio entrare nella console di root con la sequenza di tasti:

CTRL-ALT-F2

Usare il seguente comando per stoppare il server X.Org (fino ad Ubuntu 11.04):

sudo /etc/init.d/gdm stop

Da Ubuntu 11.10, per stoppare il server X.Org, bisogna usare il comando:

sudo service lightdm stop

Lanciare lo script di installazione dei driver con il seguente comando:

sudo sh NVIDIA-Linux-xxx.run

Durante l'installazione dare il consenso per la modifica del file /etc/modprobe.d/nvidia-installer-disable-noveau.conf. Una volta dato il consenso lo script di installazione dovrebbe bloccarsi e impedire la corretta installazione dei driver.
Una volta usciti dall'interfaccia dello script, riavviare il sistema con il comando:

sudo shutdown -r now

Dopo il riavvio entrare nella console di root con la sequenza di tasti:

CTRL-ALT-F2

Usare il seguente comando per stoppare il server X.Org:

sudo /etc/init.d/gdm stop

Lanciare lo script di installazione dei driver con il seguente comando:

sudo sh NVIDIA-Linux-xxx.run

A questo punto l'installazione dovrebbe andare a buon fine. Per riavviare il server X.Org digitare il seguente comando:

sudo /etc/init.d/gdm start

Da Ubuntu 11.10, per far ripartire il server X.Org, bisogna usare il comando:

sudo service lightdm start

Per uscire dalla console di root digitare la sequenza di tasti:

CTRL-ALT-F7


In Sistema --> Preferenze --> NVIDIA X Server Settings dovreste trovare la seguente interfaccia:



Blue Mountain State Song

Per chi come me si fosse chiesto quale fosse la canzone della sigla del telefilm Blue Mountain State ...


Hell yeah !!

Script di installazione HDAPS su Ubuntu 11.04 per Lenovo ThinkPad R61

Questo script è in grado di installare automaticamente l'Active Protection System utile a far posizionare la testina del disco rigido in posizione di riposo in caso di urto:

Per installare il software bisogna lanciare lo script con il comando:

sudo sh script_hdaps

e bisogna disporre di una connessione ad Internet.
Lo script allo stesso tempo si occupa di installare una gnome applet in grado di visualizzare lo stato del disco.
Per visualizzare l'applet è necessario aggiungerla da pannello cliccando con il tasto destro e cliccando "Aggiungi al pannello..." e aggiungendo "HDAPS Status Applet":




Di seguito è riportato il codice dello script:

#!/bin/bash

# HDAPS configuration script

apt-get install tp-smapi-source hdapsd
module-assistant prepare tp-smapi
module-assistant auto-install tp-smapi

echo "thinkpad_ec
tp_smapi
hdaps" > /etc/modules

echo "# enable thinkpad_ec
options thinkpad_ec force_io=1

# option to correctly set tilting through hdaps sensor
options hdaps invert=1
" > /etc/modprobe.d/local.conf

/etc/init.d/hdapsd start

apt-get install libpanel-applet2-dev
mkdir gnome-hdaps
cd gnome-hdaps
wget http://www.zen24593.zen.co.uk/hdaps/gnome-hdaps-applet-20081204.tar.gz
tar xfvz gnome-hdaps-applet-20081204.tar.gz
gcc $(pkg-config --cflags --libs libpanelapplet-2.0) -o gnome-hdaps-applet gnome-hdaps-applet.c
cp gnome-hdaps-applet /usr/bin
mkdir /usr/share/pixmaps/gnome-hdaps-applet/
cp *.png /usr/share/pixmaps/gnome-hdaps-applet/
cp GNOME_HDAPS_StatusApplet.server /usr/lib/bonobo/servers/
cd ..
rm -R gnome-hdaps

Script di installazione configurazione tasti abilitazione/disabilitazione touchpad Lenovo ThinkPad su Ubuntu 11.04

Questo script consente di abilitare la configurazione di tasti utile ad abilitare/disabilitare il touchpad di un Lenovo Thinkpad (Fn+F8).
Per lanciare lo script usare il comando da shell:

sudo sh script_touchpad.sh

Di seguito è riportato il codice dello script:

#!/bin/bash

#Configurazione touchpad
echo "<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<deviceinfo version="0.2">
 <device>
  <match key="input.x11_driver" string="synaptics">
   <merge key="input.x11_options.SHMConfig" type="string">True</merge>
  </match>
 </device>
</deviceinfo>" > /etc/hal/fdi/policy/shmconfig.fdi


Per usare lo script basta creare un file ed incollare il testo sopra e lanciarlo secondo le indicazioni all'inizio del post.